software

Short Links e Url Shortner: aumentiamo il nostro appeal in Internet

SEGUICI SU FACEBOOK!


Ti sei perso i nostri ultimi post?

Vi sarà probabilmente capitato – navigando in Rete e soprattutto sui social – di imbattervi in alcuni link stranamente corti e criptici: nulla di cui preoccuparsi, si chiamano Short Links (curioso, no?) e servono a risparmiare caratteri quando si desidera indirizzare gli utenti ad una determinata URL.

La loro esistenza è strettamente legata a quelle situazioni in cui lo spazio per i propri pensieri è limitato: pensiamo ad esempio a Twitter, dove ci si trova costretti a veicolare concetti, citazioni (i famosi @), keywords (gli altrettanti celebri hashtag) e link in soli 140 caratteri.

Perché usare gli Short Links

Gli Short Links nascono nel 2002 nella mente di Kevin Gilbertson, ideatore di TinyUrl, e il loro funzionamento è davvero banale: le URL vengono associate a chiavi univoche che – semplicemente – effettuano un redirect verso la pagina originale.

Gli indirizzi tradizionali contengono di solito parametri SEO (acronimo di Search Engine Optimization) che servono a migliorare la visibilità di un sito sui motori di ricerca ma che appesantiscono l’aspetto delle URL stesse: gli Short Links, meno invasivi e più gradevoli esteticamente, risultano invece facili da copiare e da condividere, e – in ultima analisi – aiutano la viralità dei contenuti.

Come creare Short Links: gli Url Shortner

Esistono diverse realtà che forniscono questo servizio di “compressione”: le più famose sono Google (https://goo.gl), Bit.ly (https://bit.ly) e il già citato TinyUrl (http://tinyurl.com), ma facendo una ricerca in Internet non farete fatica a rintracciarne altri: va detto che quelli citati danno ottime garanzie di sopravvivenza, eliminando quasi del tutto la possibilità che i nostri Short Links diventino inefficaci.

short links

Probabilmente la maggiore solidità arriva proprio da Google: le possibilità che il colosso di Mountain View vada incontro a problemi finanziari o tecnici sono infinitesimali, senza dimenticare che fra tutti gli Url Shortner Goo.gl è il servizio che garantisce la risposta più rapida e verosimilmente non verrà mai bloccato da un firewall aziendale o da un server proxy.

Rischi nascosti nelle Tiny Url

Va detto, a onor del vero, che gli Short Links possono nascondere delle insidie per gli utenti della Rete: dietro a queste Tiny Url potrebbero infatti trovarsi pagine Web pericolose (contenenti virus o spam).

Per difendersi da tale eventualità esistono degli accorgimenti: chi naviga con Firefox può ad esempio installare Redirect Check (https://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/redirectcheck-client), plugin che permette di vedere il sito a cui effettivamente si verrà condotti semplicemente posizionandosi sopra con il mouse.

Come creare uno Short Link con goo.gl

Per creare uno Short Link partendo da un vostro indirizzo dovrete andare su goo.gl, copiare l’URL originale nel form, superare la verifica reCAPTCHA “Non sono un robot” e infine cliccare sul pulsante Shorten Url: si aprirà una finestra contenente l’anteprima della pagina specificata da cui copiare – appunto – lo Short Link.

short links

short links

Altro aspetto molto interessante è che le URL così create danno la possibilità di monitorare il traffico (numero di click, pagina di provenienza o Referrer, browser e OS utilizzati): ovviamente i conteggi valgono solo dalla creazione dello Short Link – non sono “retroattivi” insomma – e non monitorano il traffico proveniente dall’url originale.

Un’ultima chicca: è possibile anche creare un QR code semplicemente aggiungendo il suffisso .qr allo Short Link!

short links

SENEX

© Senex 2016 – Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER (procedendo si considera accettata l’“Informativa sulla Privacy”).

    Nome *

    Email *

    [recaptcha]

    Vi sarà già capitato di imbattervi in alcuni link stranamente corti e criptici: si chiamano Short Links (curioso, no?) e servono a risparmiare caratteri.

    1. Fede

      Articolo interessante che però mi lascia con un dubbio: quelle abbreviazioni tipo (se non ricordo male) youtu.be o t.co cosa riguardano? Si vedono spesso…

      • senex

        Hai ragione: non ne ho parlato perchè questi sono Short Links – utilizzati rispettivamente da Youtube e Twitter – che non possono essere usati come soluzioni stand-alone (ossia al di fuori del social stesso).

    Lascia una risposta

    Privacy Policy

    Senex aderisce al Programma di affiliazione Amazon e può percepire commissioni tramite link presenti sul sito

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile: cliccando su "Accetto" o scorrendo questa pagina ne permetti l'utilizzo. Approfondisci GDPR.

    Se vuoi saperne di più puoi prendere visione della nostra Privacy & Cookies Policy, aggiornata secondo quanto previsto dalla normativa nazionale italiana ed europea (GDPR 2016/679).

    Chiudi