economia e finanze, pubblica amministrazione, social life

Contributi dipendenti pubblici: come verificare estratto conto INPS

Ti sei perso i nostri ultimi post?

Sei già informato sulla questione e ti interessa solo sapere come procedere al controllo del tuo “Fascicolo Previdenziale”? Allora clicca qui!
contributi dipendenti pubblici

AGGIORNAMENTO Settembre 2018

Da qualche tempo si fa un gran parlare dei versamenti previdenziali che non risulterebbero dall’estratto conto INPS di molti dipendenti statali (fra questi numerosissimi sono insegnanti e ATA). contributi dipendenti pubblici

La situazione non è affatto chiara, e tante voci si sono levate sostenendo tesi contrapposte: secondo qualcuno ogni cosa verrà sistemata “in automatico”, mentre altri sostengono che sarebbe meglio “preoccuparsi”. Cerchiamo di capire di che si tratta.

contributi dipendenti pubblici

La circolare INPS 169/2017

“Pomo della discordia” è la circolare INPS n. 169 pubblicata in data 15 novembre 2017 (la potete leggere cliccando qui), che ha fornito delucidazioni in merito alla corretta regolamentazione da applicare in materia di prescrizione dei contributi pensionistici dovuti alle casse della Gestione Dipendenti Pubblici: sono molti i dubbi riguardo tale normativa, e la preoccupazione cresce in vista dell’ormai non troppo lontana data prevista come termine per sanare eventuali errori (31 dicembre 2018).

Sebbene vari sindacati si siano mossi per cercare di chiarire la questione le incertezze permangono: a puro titolo esemplificativo riportiamo una circolare di FLC-CGIL. [CLICCA SULL’IMMAGINE PER LEGGERE IL DOCUMENTO]

contributi dipendenti pubblici

Il chiarimento INPS del 13 agosto 2018

Dopo mesi di confusione in cui molti si sono sentiti in dovere di “interpretare” la questione nei modi più disparati, arriva finalmente un chiarimento ufficiale da parte di INPS che dovrebbe rasserenare un po’ gli animi.

Nel documento (che potete leggere qui) si dice infatti che la posizione assicurativa di ciascuno potrà essere sistemata anche dopo il 1° gennaio 2019: tale data ha rilievo per i rapporti fra INPS e datori di lavoro pubblici in quanto mutano le conseguenze del mancato pagamento contributivo accertato dall’Istituto.

Il 31 dicembre 2018 rappresenta dunque il termine ultimo per il datore di lavoro pubblico di applicare la prassi consolidata nella Gestione dell’ex INPDAP, la quale individuava la data di accertamento del diritto alla contribuzione di previdenza e assistenza come giorno dal quale inizia a decorrere il termine di prescrizione: per i flussi trasmessi dal 1° gennaio 2019 si dovrà invece sostenere un onere calcolato secondo le indicazioni della circolare INPS 169/2017 (detto “onere del trattamento di quiescenza” e riferito a periodi di servizio per i quali va utilizzato come base di calcolo il criterio della rendita vitalizia).

Riassumendo, il 31 dicembre 2018 non è un termine decadenziale per i lavoratori, poiché essi possono presentare richiesta di variazione della posizione assicurativa anche successivamente: ciò che cambia sono gli effetti che scaturiscono a carico dei datori di lavoro pubblici.

Come controllare il proprio “Fascicolo Previdenziale”

Per aiutarvi a tenere “sotto controllo” la vostra situazione personale abbiamo comunque pensato di preparare una brevissima guida: ecco come si deve procedere…

1. LOGIN / CONSULTAZIONE CASSETTO PREVIDENZIALE

Per prima cosa occorre logarsi sul sito INPS (per chi non sapesse come procedere segnaliamo l’articolo “INPS Come accedere al portale e trovare tutto ciò che serve”). Una volta dentro al portale si deve aprire il cosiddetto “Fascicolo Previdenziale” (anche in questo caso segnaliamo l’articolo “Come consultare il fascicolo (o «cassetto previdenziale») INPS” preparato ad hoc).

2. RVPA DIPENDENTI PUBBLICI

A questo punto non resta che cliccare la voce “RVPA Dipendenti Pubblici”, dove l’acronimo sta per “Richiesta Variazione Posizione Assicurativa”: dalla pagina di “Benvenuto”…

contributi dipendenti pubblici

…si dovrà cliccare la voce – ça va sans dire – “Richiesta Variazione Posizione Assicurativa”: ora potrete visualizzare tutti i periodi contributivi che risultano dai contratti firmati alle dipendenze dello Stato.

contributi dipendenti pubblici

Ciascuna voce si può approfondire (usando la “Lente di ingrandimento”) ma anche modificare o cancellare (con le altre due icone più a destra): in questo caso però ci si addentra in un terreno molto delicato, riguardo al quale non ci sentiamo – almeno per il momento – di esprimerci.

Badate bene alla presenza di eventuali note (riguardanti ad esempio periodi da accertare, o periodi accertati nei quali però non risulta il versamento dei contributi), perché in tal caso la correzione è opportuna. La schermata in cui operare si presenterà così…

[CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRNE I DETTAGLI]

contributi dipendenti pubblici

Una volta terminato l’inserimento dei dati, il sistema rilascerà una ricevuta protocollata alla quale faranno seguito le verifiche INPS e – in ultimo – una comunicazione riguardante l’esito della procedura stessa.

Correggere errori e/o riportare periodi mancanti?

Dunque che fare una volta riscontrate eventuali inesattezze? Correggere autonomamente in base a quanto risulta in busta paga, affidarsi ad un CAF o… semplicemente lasciar stare?

In attesa dei prossimi aggiornamenti vi suggeriamo di “restare sintonizzati” su questa pagina!

NB Aggiungi questa pagina ai preferiti, così da non perderne gli aggiornamenti: scopri come leggendo l’articolo dedicato!

SENEX

© Senex 2018 – Riproduzione riservata


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER (procedendo si considera accettata l’“Informativa sulla Privacy”).

Nome *

Email *

contributi dipendenti pubblici, contributi dipendenti pubblici, contributi dipendenti pubblici

2 Comments

  1. Francesca

    Resto sintonizzata in attesa della guida! Grazie

Leave a Reply

Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile: cliccando su "Accetto" o scorrendo questa pagina ne permetti l'utilizzo. Approfondisci GDPR.

Se vuoi saperne di più puoi prendere visione della nostra Privacy & Cookies Policy, aggiornata secondo quanto previsto dalla normativa nazionale italiana ed europea (GDPR 2016/679).

Chiudi