Nel corso degli anni molti nostri lettori si sono interrogati su quale fosse il comportamento da tenere riguardo la nuova procedura per la richiesta del sussidio di disoccupazione NASpI: domande originate spesso anche dai cambiamenti normativi che hanno interessato DID – Dichiarazione di disponibilità al lavoro e PSP – Patto di servizio personalizzato. quesiti

Gli stessi operatori accreditati si sono talvolta trovati in difficoltà nel rispondere ai problemi emersi: per tale ragione abbiamo deciso di riproporre alcune delle domande più interessanti che ci sono state fatte raccogliendole in questo articolo.

Leggetele con attenzione perché potreste trovare la soluzione ai dubbi che vi riguardano personalmente.

DID e PSP: tutti i quesiti riguardo i CPI

D Grazie, il tuo articolo mi è stato molto utile. Ho un dubbio da risolvere però… Il centro per l’impiego di riferimento deve essere necessariamente quello di residenza? Sono un’insegnante siciliana con contratto al 30 giugno in una scuola di Genova e devo tornare giù. Nella domanda per la Naspi potrò indicare un centro per l’impiego della mia zona? A rigor di logica sì perchè dovrò presentarmi per il patto di servizio e per le eventuali attività di formazione…

R Ciao Valeria. La tua domanda è molto interessante: ti linko una risorsa dal sito della Regione Veneto che analizza (a pagina 1) la situazione di cui mi chiedi. www.regione.veneto.it…

**********

D Salve, io ho compilato on line attraverso il sito inps la domanda per la Naspi qualche giorno fa, poi, come indicato sul sito, mi sono recata nel mio CPI per compilare il Patto dei servizi personalizzato. Ebbene, mi hanno detto che il modello non è disponibile e quindi devo aspettare che mi chiamino. Ma allora la scadenza dei 15 giorni non si può rispettare, questo determinerà problemi con la elaborazione della mia domanda di disoccupazione?

R Buongiorno Cecilia. Riguardo al suo dubbio posso dire che – a quanto sembra essere emerso finora – trovandoci nel momento di passaggio dalla vecchia alla nuova procedura dovrebbe esserci più tollerenza rispetto alle tempistiche indicate. In ogni caso, se il CPI stesso si è detto impossibilitato a farle compilare il modello (perchè ancora non disponibile) io mi baserei su questa informazione ufficiale, tenendo ovviamente monitorata la situazione con una certa frequenza.

**********

D Ho letto in Internet che in molte regioni regna la confusione: che cosa si deve fare, non c’è una modalità univoca?

R Ciao Stefania. Hai ragione, c’è molta confusione sebbene la normativa sia nazionale. Già altri hanno avuto lo stesso dubbio. Saluti.

**********

D Ciao, mi chiamo Antonella sono supplente precaia a Torino ed iscritta li al CPI. La residenza l ho a Palermo, e la domanda di disuccupazione l ho fatta a Palermo. Volevo capire se questa novità sul patto di servizio personalizzato vale anche per me e sopratutto dove dovrei farlo: Torino Palermo? Sottolineo che al Cpi di Torino mi hanno liquidato dicendomi che la DID per personale scuola e ATA si fa esclusivamente online. Grazie.

R Ciao Antonella, l’argomento è “caldo” e sicuramente lo approfondiremo a breve. Nel frattempo ti consiglio di leggere quanto emerso nella discussione “Dubbi su NASPI, DID e PSP”: una collega (tua conterranea) domandava delucidazioni riguardo lo stesso problema.

**********

D Grazie per le preziose informazioni, ho una domanda per te. Dopo aver inoltrato la NASPI quanti giorni abbiamo per poter sottoscrivere la DID e quindi successivamente il PSP? Secondo te l’emissione della disoccupazione ritarderà se non presentiamo celermente DID e PSP? Ancora grazie.

R La normativa dice che, dopo aver inoltrato domanda di NASpI, ci sono 15 giorni per presentare DID e PSP. Questi step devono comunque essere seguiti proprio per evitare il rischio che il sussidio – una volta riconosciuto – possa essere sospeso.

**********

D Salve, non riesco ad ottenere informazioni riguardo all’obbligo o meno di presentarsi al centro per l’impiego. Sono un’insegnante e ho letto dell’istituzione dell’Anpal, ma vorrei capire se effettivamente è operativa. Il sito del mio centro per l’impiego dice: “DID: dichiarazione che il lavoratore disoccupato (o a rischio disoccupazione) rilascia al Centro per l’Impiego attestando la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa ed alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il centro per l’impiego. La domanda di Assicurazione Sociale per l’Impiego, di cui all’articolo 2 della legge n. 92 del 2012, di Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI) o Indennità di disoccupazione per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata (DIS-COLL), di cui agli articoli 1 e 15 del decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22, e la domanda di indennità di mobilità di cui all’articolo 7 della legge 23 luglio 1991, n. 223, resa dall’interessato all’INPS, equivale a dichiarazione di immediata disponibilità.” Quindi non sono obbligata a presentarmi al centro per l’impiego ? cosi’ ho fatto l’anno scorso, sono andata circa un mese dopo ma senza l’obbligo. Inoltre volevo sapere se eventualmente dopo l’estate, se la scuola dovesse non richiamarmi posso trasferire l’iscrizione ad un altro CPI dove ci sono più possibilità di ottenere proposte formative.

R Luciana, buongiorno. La normativa rispetto all’anno scorso è cambiata: ora, dopo aver rilasciato la DID, è obbligatorio presentarsi al Centro per l’impiego. Per tale ragione le consiglio vivamente di andarci entro i 15 giorni canonici: saranno poi i responsabili del suo CPI di riferimento a dirle come sia più opportuno comportarsi riguardo al Patto di Servizio (PSP).

**********

D la vostra guida e i successivi approfondimenti mi sono stati molto utili: grazie. Stamattina sono andata al CPI Roma Cinecittà (centrale fornisce tutti i servizi) e ho dovuto parlare con la responsabile del servizio perché gli impiegati degli sportelli non avevano informazioni circa il PSP. La responsabile mi ha detto che a settembre chiameranno loro per la firma. Per quanto riguarda la DID era sufficiente quanto dichiarato nella domanda.

R Grazie a lei per aver condiviso queste informazioni, Annamaria. A risentirla, cordialmente.

**********

D Buongiorno Senex, grazie per l’utilissima guida! C’è qualcosa che mi lascia però molto perplessa: ho seguito tutta la procedura e mi manca solo la DID ed in particolare il PSP: ho contattato telefonicamente alcuni operatori inseriti nella lista di Milano per il PSP (Enti di Formazione e Società Interinali) ma questi mi hanno tutti consigliata di andare ad accreditarmi altrove! Era chiaro che non ne volessero sapere di doversi occupare di questo tipo di attività… Meglio recarsi allora direttamente all’Ufficio di Collocamento?

R Anna, buongiorno. Grazie a lei per l’utilissima testimonianza. Probabilmente gli stessi operatori accreditati non sanno bene come comportarsi con i precari della scuola: il consiglio che mi sento di darle è quindi di fare riferimento ai “Centri per l’impiego”, nei quali confido riuscirà a trovare risposta ai suoi dubbi.

**********

D Ho inviato la domanda facendo tutti questi passaggi e ho stampato le ricevute, ma non sono andata al centro per l’impiego perché prima di compilare la domanda c’era una pagina che diceva che inoltrare questa domanda equivale a fare il DID. E anzi, Anche sulla pagina informativa sulla naspi nel sito Inps è scritto questo. Non è così? Devo lo stesso andare al centro per l’impiego?

R Tania, buongiorno. E’ vero, presentare la NASpI equivale ad inoltrare la DID: questa disponibilità va però poi confermata presso il Centro per l’impiego, dove contestualmente si potrà firmare il PSP (o comunque chiedere ai responsabili del CPI come è opportuno comportarsi). PS Ricordo che in diverse regioni la DID si può inoltrare online: trovate la cartina interattiva a questo link www.senex.it/scuola/ultimissime-su-did-e-psp-dai-centri-per-limpiego. Per la Lombardia invece vi consiglio di leggere anche l’articolo www.senex.it/scuola/did-online-e-psp-istruzioni-per-la-lombardia.

**********

D Altra domanda, ieri ero con una mia amica che è sindacati-dipendente e mi ha datto che per fare la domanda di disoccup. lei ha presentato non so quante tonnelate di carta, tutti gli stipendi ad esempio, piu’ non so che che altro, prob anche pagando la prestazione al caf. È scema lei o sono scema io che ho fatto tutto on line?

R Non mi permetto di dare giudizi in merito alla sua amica, ma confido che alla prima scadenza utile verrete liquidate entrambe senza alcuna differenza. Il nostro tentativo su senex.it è proprio quello di condividere le informazioni, confrontarsi sui problemi e liberarsi da tutte quelle prassi lunghe e onerose che hanno vincolato la nostra esperienza in passato. E’ la filosofia della Rete. Saluti, a presto.

**********

D Buongiorno, io lavoro in qualità di personale educativo in convitto (cdc PPPP). Tornata a Napoli al termine del contratto, il 30 giugno, ho iniziato le pratiche per la Naspi. Mille anomalie, tra cui la più particolare riguarda il Patto di Servizio. Al mio CPI di riferimento, Afragola, affermano di non essere ancora “abilitati” e che quindi non possono rilasciarmi procedere alla sottoscrizione, che posso stare tranquilla così. Il call center Inps, contattato per chiarimenti, dopo una attesa intermittente, lunga e poco rassicurante, mi ha detto che esiste una comunicazione (loro, interna) che mi solleva dall’obbligo di sottoscrivere il Psp. Intanto io non ho nulla di scritto e/o di confermato ufficialmente. Che faccio?

**********

D Grazie, il vostro sito è molto utile. Sono stata al centro per l’impiego e loro mi hanno detto che, almeno a Lodi, non ti fanno firmare direttamente il psp, ma di danno un appuntamento x settembre inoltrato in modo che tu abbia già ripreso il lavoro e non ti debba sobbarcare inutili corsi da parrucchiere o macellaio. Quindi bisogna solo mandare un mail. Speriamo bene. Ma ho una curiosità, se io non firmo ora il psp come faccio a ricevere l’indennità? Le due cose non sono in correlazione?

**********

D Salve sono di Bologna lo scorso anno più precisamente nel mese di novembre 2016 ho inviato dal sito dell’INPS la richiesta per la NASPI che ho cominciato a ricevere via assegni POSTALI dal mese di gennaio 2017, non mi sono recato in nessun CENTRO PER L’IMPIEGO anche se tutti anche su internet dicevano di recarsi entro 15 giorni altrimenti non mi avrebbero riconosciuto la NASPI. QUEST’anno 2017 è cambiato qualcosa?

R Mario, buongiorno. No, non è cambiato nulla, ma le devo confermare che in effetti lei (così come tutti coloro i quali chiedono la NASpI) è tenuto a recarsi presso il Centro per l’Impiego al fine di sottoscrivere il PSP. Il fatto che la sua “mancanza” non abbia avuto ripercussioni sul sussidio non è significativa: la normativa prevede un certo percorso, se poi la regola non viene applicata da tutti è un’altra questione. E’ come se lei mi chiedesse: “Devo fare il biglietto sul treno? Sa, ho viaggiato spesso ma nessuno mi ha mai controllato!”. La saluto cordialmente, ma le suggerisco di dedicare un’ora della sua giornata per sistemare la cosa e dormire sonni tranquilli.

**********

D Salve. Una domanda: se mi iscrivo al CPI sono tenuta a sottoscrivere il patto di servizio anche se non faccio richiesta di naspi?

R Buongiorno a lei, Ester. Sì, nel momento in cui ci si iscrive al CPI dichiarando lo stato di disoccupazione è obbligatorio sottoscrivere sia la DID che il PSP: essi infatti vincolano il disoccupato ad impegnarsi in misure di politica attiva quali corsi di formazione, tirocini, colloqui di lavoro previsti ai fini di reinserimento nel mercato del lavoro. In pratica non solo chi percepisce la NASpI è tenuto a presentarsi – qualora convocato – al Centro per l’Impiego, ma tutti quelli che desiderano mantenere lo status di “disoccupato” che, ricordiamo, comporta diverse agevolazioni (ad esempio l’esenzione dal ticket per le prestazioni sanitarie, se sotto la soglia di reddito minimo). Saluti.

**********

D Buongiorno, il mio contratto come supplente scade il 30/06. Siccome il 01/07 devo partire e ritornerei il 09/07 posso inoltrare domanda NASPI tramite sino Inps con password dispositiva entro 8/7 (per restare negli 8 giorni) e poi perfezionarla dal 10/07 al CPI? Grazie

R Assolutamente sì, Salvatore: la richiesta va fatta online entro l’8 luglio (così da non perdere neanche un giorno di sussidio), ma poi ci sono 15 giorni di tempo per recarsi al proprio CPI dove perfezionare la domanda (sottoscrivendo il PSP, ossia il “Patto di Servizio Personalizzato”).

**********

D Buonasera. Io ho fatto domanda NASpi il 05/01/2017 tramite CAF, mi hanno detto che tutto e a posto e non serve nenti altro. Domanda mia e: DID devo andare a fare a CPI o no? Visto che e passato 30 giorni dopo che ho fatto domanda, rischiu di perdere NASpi? Ho ancora in tempo? Grazie

R Buongiorno a lei, Sergiu. Il consiglio che ci sentiamo di darle è quello di chiedere con esattezza al CAF che l’ha seguita quali istanze sono state compilate o, in alternativa, di recarsi presso il CPI di competenza e verificare quali documenti risultano presentati a suo nome: la normativa stabilisce infatti che il PSP vada firmato entro di 15 giorni dalla domanda NASpI, ed è dunque opportuno lei agisca rapidamente, di modo da evitare eventuali difficoltà riguardo l’erogazione della prestazione assistenziale. In ogni caso, non lasci passare altro tempo. Saluti.

**********

D Buonasera, grazie per l’interessante articolo. Sono un insegnante precario con contratto in scdenza al 30 giugno. Ho fatto NASPI e DID online su Gefo (Lombardia). Adesso sono in attesa di siglare il PSP ma sia il centro per l’impiego che gli operatori sono molto flessibili sul PSP, dicendo che si puo’ rimandare ed eventualmente anche evitare di farlo se a settembre riprendero’ a lavorare. l’INPS (Call center) invece dice, come da direttive generali, che e’ obbligatorio rilasciare DID e fare il PSP. Come devo comportarmi ? Avendo presentato la DID entro I termini all’operatore posso stare tranquillo se non mi chiamano entro i 15gg per il PSP?

R Giulio, buongiorno. Abbiamo già affrontato la questione nel 2016 in questo articolo che ti consigliamo di leggere, ma la condotta dei numerosi “Centri per l’Impiego” sparsi per l’Italia non è ancora univoca. L’ipotesi più attendibile è che il PSP vada sempre firmato: segnalando di essere precari della scuola, però, il CPI dovrebbe fissare l’incontro ad anno scolastico già iniziato, e in tal caso sarà sufficiente far presente – non appena riavuto l’incarico – che è cessata la condizione di disoccupazione. Seguire altre strade comporta il rischio che l’INPS non accetti la domanda di disoccupazione: valuta bene come comportarti. Buona giornata, saluti.

**********

D Salve, ho un po di confusione sulle info che mi sono state fornite in merito alla DID (e sul PSP Patto di Servizio): è la prima volta che lo faccio, non essendo mai stata disoccupata. Dovendomi presentare all’appuntamento presso l’ufficio dell’impiego sto cercando di capire in che cosa consiste: l’operatore mi dice che è da prassi e serve per capire se sei ancora disoccupato, mentre un altro mi dice che ti trovano un lavoro (mi sembra strano, con tutti i disoccupati che ci sono lo trovano a me che ho 60 anni). Poi mi dicono che devo partecipare a incontri di formazione, e mi chiedo: a 60 anni che corso di formazione potranno mai farmi fare?!? Scusate, ho molta confusione, mi date dei chiarimenti? Grazie per l’attenzione, Marcella

R Marcella, buonasera. Stia tranquilla: la DID va fatta perché in caso contrario potrebbero bloccare l’erogazione della NASpI, ma verosimilmente l’impegno consisterà in un incontro (o pochi di più) nel quale le verrà spiegato come compilare un CV o affrontare una selezione. Purtroppo la sua disamina è corretta, e difficilmente al CPI riusciranno a trovarle un nuovo impiego (non è solo una questione di età, si fidi): in ogni caso le facciamo i migliori auguri affinché possa arrivare serenamente a maturare l’anzianità per la pensione. Cordiali saluti.

quesiti

Non hai ancora trovato risposta ai tuoi dubbi? Allora ti consigliamo di leggere la prima parte di questo articolo, nella quale sono stati proposti i quesiti più interessanti proprio riguardo il sussidio di disoccupazione NASpI.

E se hai piacere di aiutarci puoi mettere un like alla nostra pagina Facebook semplicemente cliccando qui!

 

SENEX

© Senex 2016 – Riproduzione riservata


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER (procedendo si considera accettata l’“Informativa sulla Privacy”).

Nome *

Email *

quesiti, quesiti, quesiti, quesiti, quesiti, quesiti, quesiti, quesiti, quesiti, quesiti