SEGUICI SU FACEBOOK!


Ti sei perso i nostri ultimi post?

accesso agli atti

Dopo le ultime pubblicazioni da parte dei vari USP sparsi per lo Stivale in cui viene sollecitato un controllo approfondito dei titoli presentati dagli aspiranti docenti cui siano state attribuite supplenze, è nuovamente montata una feroce polemica riguardo le numerose “inesattezze” (volute e non) presenti nelle dichiarazioni GPS inoltrate durante l’estate 2020.

Chi temesse di essere stato ingiustamente scavalcato, dunque, come può comportarsi?

verifica assegnazione supplenza allora

Per verificare una qualunque ipotetica irregolarità amministrativa, anche per quanto concerne la scuola è sempre possibile richiedere l’accesso agli atti: in virtù del cosiddetto “principio di trasparenza”, ai sensi della Legge 241/1990 la PA è tenuta a controllare che tutto sia stato gestito nel modo corretto.

libri concorso scuola

Che cosa significa richiedere un «accesso agli atti»?

In accordo alla normativa poc’anzi menzionata chiunque abbia un interesse diretto e concreto può presentare istanza, così da prendere visione (e, nel caso, estrarre copia) dei documenti amministrativi che afferiscono ad una determinata situazione.

In ambito scolastico vi sono diverse occasioni nelle quali si può richiedere l’accesso agli atti ad un DS, e quelle che si annoverano con maggiore frequenza – a puro titolo esemplificativo e non esaustivo – riguardano:

  • registri personali e verifiche scritte somministrate dai docenti
  • verbali consigli di classe / verbali scrutini intermedi e finali
  • elaborati scritti e atti relativi agli esami di Stato (secondaria I e II gr.)
  • atti utili alla stipula di contratti per forniture di bene o servizi
  • atti relativi alla formazione delle graduatorie d’istituto (docenti e ATA)

Proprio l’ultima voce in elenco è una delle più delicate, e la richiesta scritta in questo frangente diventa l’unica “arma” a disposizione per porre un argine ad eventuali errori.

Assegnazione irregolare di una supplenza

Quando un supplente teme di essere stato ingiustamente scavalcato da terzi nell’assegnazione di una supplenza può dunque presentare (una sola volta per ciascuna “criticità”) istanza di «accesso agli atti».

Tale domanda va inviata tramite PEC al DS e all’USP competente utilizzando il modello che mettiamo qui a disposizione per il download.

Clicca sull’immagine qui sotto per scaricare il modello.

Chi dovesse incontrare difficoltà non esiti a scriverci mediante l’apposito form.

Per qualsivoglia dubbio consigliamo comunque di chiedere il supporto di un esperto di diritto scolastico o di un sindacato (anche per un’analisi accurata e circostanziata di ogni singolo caso).

SENEX

© Senex 2020 – Riproduzione riservata


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER (procedendo si considera accettata l’“Informativa sulla Privacy”).

    Nome *

    Email *

    [recaptcha]

    Per verificare irregolarità nell’assegnazione di una supplenza si può presentare istanza di accesso agli atti.
    accesso atti scuola fac simile, dunque
    legge 241/90, allora
    pertanto
    perciò