pubblica amministrazione, scuola, social life

Lasciare una supplenza per un’altra: quando si può fare

SEGUICI SU FACEBOOK!


Ti sei perso i nostri ultimi post?

In taluni casi lasciare una supplenza per un’altra può comportare sanzioni nei confronti del docente che rinuncia all’incarico: vediamo assieme quando è possibile farlo senza conseguenze (e quando invece no).

Supplenze brevi, FAD o annuali

I dubbi riguardano per lo più quei docenti “non di ruolo” che ogni anno accettano incarichi di supplenza più o meno lunghi: cominciamo intanto a fare un po’ di chiarezza sulla questione, spiegando le varie tipologie di supplenza esistenti.

  1. Supplenza breve: ha una durata stabilita fino ad una certa data (può durare anche solo un giorno).
  2. iSupplenza FAD (o “fino avente diritto”): non ha una durata certa perché l’incarico ha validità fino a quando non si trova appunto il cosiddetto “avente diritto”, cioè la persona cui spetta quella cattedra.
  3. Supplenza “fino al termine delle lezioni”: termina con l’ultimo giorno dell’anno scolastico e può essere prorogata (anche giornalmente) per effettuare gli scrutini.
  4. iSupplenze annuali: sono quelle più “sicure” (anche per quanto riguarda la regolarità con cui viene accreditato lo stipendio) e possono durare fino al 30 giugno – detta “fine al termine dell’attività didattica” – o al 31 di agosto.

Lasciare una supplenza per un’altra

Ora che abbiamo esaminato le varie tipologie di supplenza vediamo quando è possibile lasciarne una per accettarne un’altra: in verde Lasciare una supplenza per un’altra ciò che è consentito, in rosso Lasciare una supplenza per un’altra le scelte che non si possono fare.

  • iLasciare una supplenza FAD (“fino avente diritto” o “avente titolo”) per una supplenza breve con data certa.
  • Lasciare una supplenza breve con data certa per una supplenza FAD (“fino avente diritto” o “avente titolo”)
    • Esiste però un’eccezione: la supplenza si può lasciare nel caso si accetti un nuovo incarico su posto di sostegno.

  • iLasciare una supplenza breve con data certa per un’altra supplenza breve
    • Non si può fare neppure quando la prima supplenza è a orario ridotto e la seconda è a orario intero, eccettuando il diritto al cosiddetto “completamento d’orario”.
  • Lasciare una supplenza breve per una supplenza annuale (al 30 giugno o al 31 agosto)
    • Lasciare una supplenza breve per una supplenza annuale al 30 giugno o al 31 agosto è sempre consentito, a patto che non avvenga oltre il 30 aprile.
  • iLasciare una supplenza “fino al termine delle lezioni” per una supplenza annuale (al 30 giugno o al 31 agosto)
    • Allo stesso modo, chi ha un incarico al 30 giugno non potrà lasciarlo per accettare una supplenza al 31 agosto, fatto salvo il diritto al “completamento d’orario”.

Supplenze su posto di sostegno

Per le supplenze su posto di sostegno si applicano le regole appena elencate: fa eccezione, come dicevamo, il caso che prevede di poter lasciare una supplenza temporanea su posto comune per una supplenza FAD (attenzione, non breve!) su posto di sostegno.

Lasciare una supplenza per un’altra

Supplenze da GAE

Terminiamo dando un occhio veloce a quanto accade infine per le convocazioni da GAE (“Graduatorie ad esaurimento”).

  • iLasciare supplenza dalle “Graduatorie di istituto” per una da GAE
  • Lasciare una supplenza da GAE per una dalle “Graduatorie di istituto”
    • Lasciare una supplenza dalle GI per una da GAE è sempre possibile, a prescindere dalla scadenza o dal quantitativo orario dell’incarico precedentemente accettato. Il contrario, invece, non è mai consentito.

Nota MIUR 38905 del 28 agosto 2019

Vi ricordiamo in ultimo che il 28 agosto 2019 è stata pubblicata la nuova circolare MIUR sulle supplenze A.S. 2019/2020, che vuole fornire precise indicazioni riguardo l’ordine di assegnazione delle cattedre (anche in considerazione del gran numero di candidature “MAD” giunte quest’anno alle segreterie scolastiche a causa dei conclamati “buchi” in organico): per chi volesse approfondire, il documento è scaricabile da questo link.

SENEX

© Senex 2019 – Riproduzione riservata


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER (procedendo si considera accettata l’“Informativa sulla Privacy”).

Nome *

Email *

[recaptcha]

Lasciare una supplenza per un’altra può comportare sanzioni: vediamo assieme quando è possibile rinunciare all’incarico senza conseguenze.
Supplenze. Quando se ne può lasciare una per un’altra, Supplenze insegnanti: quando se ne può lasciare una per un’altra
Posso lasciare supplenza da graduatorie di istituto, Quando è possibile lasciare una supplenza per un’altra supplenza
Lasciare una supplenza. Quando non ci sono sanzioni, Cambio di incarico da un istituto: ecco come fare, Graduatorie di Istituto: si può lasciare una supplenza
lasciare una supplenza per un’altra personale ata, lasciare una supplenza per un’altra su sostegno, come lasciare una supplenza

2 Comments

  1. Marinella

    Io non sono inserita in Terza Fascia e ho inviato candidatura MAD: valgono le stesse regole qui elencate?

    Grazie

    • senex

      Buongiorno Marinella.

      Sì, le “regole” di cui abbiamo parlato nell’articolo dipendono dal contratto che si è firmato e non dal canale di reclutamento.

      A risentirla, cordialmente.

Leave a Reply

Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile: cliccando su "Accetto" o scorrendo questa pagina ne permetti l'utilizzo. Approfondisci GDPR.

Se vuoi saperne di più puoi prendere visione della nostra Privacy & Cookies Policy, aggiornata secondo quanto previsto dalla normativa nazionale italiana ed europea (GDPR 2016/679).

Chiudi