news, pubblica amministrazione, social life

Reddito di Cittadinanza: modulo domanda e info utili

SEGUICI SU FACEBOOK!


Ti sei perso i nostri ultimi post?

Il “Reddito di Cittadinanza” (RdC) è uno strumento di sostegno alle famiglie in difficoltà economica che mira all’inclusione sociale e al reinserimento nel mondo del lavoro: può essere richiesto da cittadini italiani, dell’Unione Europea o da stranieri con permesso di soggiorno a tempo indeterminato (e residenti da almeno 10 anni).

Per chi ha compiuto 67 anni è prevista la cosiddetta “Pensione di Cittadinanza” (PdC).

A quanto ammontano i sussidi

L’ammontare del sussidio è dato da due voci distinte: la quota A, ossia l’integrazione al reddito, e la quota B, prevista come sostegno per locazione o mutuo: il totale annuo è di 9.360€ (gli ormai celebri 780€ al mese).

Quota A (max) Quota B (max)
RdC 6.000 € 3.360 €
PdC 7.560 € 1.800 €

Il “Reddito di Cittadinanza” viene erogato per 18 mesi (rinnovabili previa sospensione per un mese), mentre la “Pensione di Cittadinanza” si rinnova in automatico.

Requisiti patrimoniali

Il nucleo familiare del richiedente deve possedere un patrimonio immobiliare che non superi i 30.000€ (senza però considerare la casa di abitazione) e un patrimonio finanziario (il denaro sul conto corrente, in parole povere) inferiore a 6.000€.

Non si possono inoltre possedere veicoli di nuova immatricolazione (meno di 6 mesi) o troppo potenti (1600cc per le automobili o 250cc per le moto), così come barche da diporto.

reddito di cittadinanza

Compatibilità con il lavoro

RdC e PdC sono compatibili con lo svolgimento di attività lavorativa subordinata, autonoma e con le prestazioni destinate agli invalidi civili, così come con la percezione della disoccupazione NASPI.

Sono invece esclusi dal beneficio i nuclei familiari in cui vi siano disoccupati che hanno presentato dimissioni volontarie nei 12 mesi precedenti l’istanza RdC (fatta salva la giusta causa).

Come presentare la domanda

Al momento sono previste due modalità per presentare la domanda di RdC e PdC:

  • cartacea, tramite modello di domanda INPS (da consegnare agli uffici postali)
  • online, tramite il sito www.redditodicittadinanza.gov.it (usando le credenziali SPID)

Le domande si potranno presentare a partire da mercoledì 6 marzo 2019, ma in un momento successivo la raccolta avverrà anche presso i CAF Centri di Assistenza Fiscale: oltre all’istanza è bene preparare la DSU Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE (che dovrà essere inferiore a 9.360€).

reddito di cittadinanza

Assegnazione del sussidio

L’esito della richiesta viene comunicato tramite sms o email: in caso positivo verrà fissato un appuntamento presso un ufficio postale, dove si potranno ritirare sia la carta prepagata (su cui mensilmente verrà accreditato il sussidio) che il relativo PIN.

Entro 30 giorni dall’accoglimento della domanda, tutti i componenti del nucleo familiare (eccezion fatta per minorenni, disabili, persone “over 65”, studenti e lavoratori) devono rendere la DID – Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro presso il CPI Centro per l’Impiego o un patronato convenzionato ANPAL.

Spese consentite

La carta RdC si può usare per diversi scopi, fra cui:

  • acquisto beni di consumo infatti
  • pagamento utenze domestiche allora
  • prelievo contanti (fino ad un massimo di 210€/mese)
  • pagamento canone di locazione dunque
  • pagamento mutuo abitazione dunque

ATTENZIONE! Se l’importo mensile non viene speso nel mese di riferimento, l’assegno successivo verrà decurtato del 20%!

Decadenza del sussidio

Il beneficio decade qualora non venga rispettata una delle seguenti voci:

  • presentazione DID infatti
  • presentazione Patto per il lavoro / Patto per l’inclusione sociale
  • partecipazione alle iniziative formative o di riqualificazione
  • accettazione offerte di lavoro “congrue” infatti
  • comunicazioni di variazioni inerenti lavoro o nucleo familiare

reddito di cittadinanza

Sanzioni previste

Nel caso di dichiarazioni false e mendaci, le sanzioni sono di carattere penale e comportano la reclusione fino a 6 anni, con la revoca immediata del RdC (o PdC) e l’obbligo di restituire gli importi percepiti. Le mancate comunicazioni riguardo reddito o patrimonio sono sanzionate con la reclusione da 1 a 3 anni, la restituzione degli importi indebitamente ricevuti e il divieto di ripresentare domanda nei 10 anni successivi.

SENEX

© Senex 2019 – Riproduzione riservata


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER (procedendo si considera accettata l’“Informativa sulla Privacy”).

Nome *

Email *

[recaptcha]

reddito di cittadinanza isee, reddito di cittadinanza 2019 requisiti, reddito di cittadinanza modulo, modulo reddito di cittadinanza pdf, INFATTI
modulo reddito cittadinanza inps, reddito di inclusione, modulo reddito cittadinanza online, domanda reddito di cittadinanza, INFATTI

  1. Maria Concetta

    Quando è previsto il prossimo pagamento del reddito di cittadinanza?

    • senex

      Buongiorno Maria Concetta.

      Dunque, per quanto concerne il Reddito di Cittadinanza non esiste un calendario ufficiale dei pagamenti, ma sia ad aprile che a maggio i soldi sono stati liquidati intorno alla fine del mese: l’ipotesi più verosimile è che la tempestica venga rispettata anche a giugno, per cui si parla del 27/6 come giorno in cui l’INPS invierà la disposizione di pagamento a Poste Italiane (cui poi saranno necessari ulteriori 2 o 3 giorni lavorativi al fine di ricaricare le card).

      A risentirla, cordialmente.

Lascia una risposta

Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile: cliccando su "Accetto" o scorrendo questa pagina ne permetti l'utilizzo. Approfondisci GDPR.

Se vuoi saperne di più puoi prendere visione della nostra Privacy & Cookies Policy, aggiornata secondo quanto previsto dalla normativa nazionale italiana ed europea (GDPR 2016/679).

Chiudi